Archivio
10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18

Vademecuum
10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20

Le nostre news

CICLOCROSS: QUATTRO TITOLI TRIVENETI E SCORZE'

29.12.2019

CICLOCROSS: QUATTRO TITOLI TRIVENETI E SCORZE'

SCORZE’ (VE) – La carovana del Trofeo Triveneto di ciclocross ha fatto tappa a Scorzè, in terra veneziana. E’ andata in scena la sesta tappa, valevole come 46° Gran Premio Cartoveneta e per l’assegnazione dei titoli di campione Triveneto prova unica. Una manifestazione tra le più storiche del calendario nazionale di questa disciplina, organizzata dalla Libertas Scorzè. Ancora una volta gli altoatesini si sono messi in bella evidenza, conquistando quattro successi ed altrettanti titoli triveneti, rispettivamente con Anna Oberparleiter, Andrea Dallago, Anna Auer e Carmine del Riccio. Temperatura fredda però tanto sole e pubblico hanno accompagnato più di 350 atleti in gara. Tracciato di gara ghiacciato e molto scorrevole, senza il fango che di solito lo contraddistingue. In palio i titoli triveneti in prova unica. Come a San Fior tra gli open è salito in sella anche il vicecampione del mondo della prova in linea Matteo Trentin (Mitchelton Scott), salito sul terzo gradino del podio nella categoria open, alle spalle di Martino Fruet del Team Lapierre, secondo classificato. Sul gradino più alto del podio Davide Toneatti (DP66 Giant Smp), che ha preceduto i trentini Fruet e Trentin, rispettivamente di 9” e di 1’07”. Finale mozzafiato. Pronti via, si è formata al comando la coppia composta dall’esperto Martino Fruet e il giovane Davide Toneatti. Nonostante le rispettive accelerazioni, i due si sono presentati assieme nel finale di gara, quando è emersa la progressione del friulano classe 2001. Pochi metri di vantaggio sono bastati a Davide Toneatti per ripetere il successo di San Fior. Alle spalle, il pubblico si è potuto divertire grazie ad un altro duello tra il vicecampione del mondo della prova in linea Matteo Trentin ed Enrico Franzoi, campione del mondo di ciclocross nel 2003. Alla fine, il trentino di Borgo Valsugana della Michelton Scott l’ha spuntata, ritrovando il podio nel ciclocross, una disciplina a lui molto cara che gli ha permesso nel 2007 di laurearsi campione italiano tra gli juniores.  In campo femminile Anna Oberparleiter bissa il successo conquistato nella precedente tappa a San Fior, nel trevigiano. L’altoatesina del Team Lapierre conclude anche questa volta a braccia alzate con 51” di vantaggio sulla seconda classificata, Asia Zontone della Jam’s Bike. A 1’27”, a completare il podio Sara Casasola (DP66 Giant Smp). Andrea Dallago (Campana Imballaggi) si è aggiudicato la prova riservata agli allievi del secondo anno, rimanendo solo nella seconda parte di gara: a 36” Edoardo Bolzan (DP66 Giant Smp), a 37” Alessandro Gallio (Fox Team). Tra gli allievi del primo anno terzo gradino del podio per Elian Paccagnella (Cardano), giunto a 1’30” dal vincitore Ettore Prà della Sportivi Del Ponte, con Elia Mares (Sorgente Pradipozzo) a 40”. Tra le ragazze esordienti è Anna Auer (St. Lorenzen Rad) a salire sul gradino più alto del podio: a 32” Alice Sabatino della Jam’s Bike Buja, a 1’09” Alice Bulegato (Libertas Scorzè). Tra i Fascia 1 Master primo posto per Carmine Del Ricco (Team Zanolini Bike), che si è lasciato alle spalle Marco Del Missier (Team Friuli Sanvitese), giunto a oltre 2’.


Pinocchio in bici
I nostri partner