Archivio
10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18

Vademecuum
10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Le nostre news

EUROPEI CICLOCROSS, ARGENTO AD EVA LECHNER

10.11.2019

EUROPEI CICLOCROSS, ARGENTO AD EVA LECHNER

SILVELLE DI TREBASELEGHE (Padova) – La prima e unica medaglia per l’Italia ai Campionati europei di ciclocross svoltisi a Silvelle di Trebaseleghe, in provincia di Padova porta il nome dell’altoatesina Eva Lechner, la 34enne di Appiano, da sempre protagonista nel fuoristrada e nelle cosiddette ruote artigliate. Nella prova femminile élite Eva Lechner, partita tra le outsider di giornata, è riuscita a confezionare una prestazione maiuscola, conquistando una prestigiosa medaglia d’argento con una prova molto convincente, nonostante un piccolo errore in avvio di gara quando ha perso il controllo dell’olandese Yarea Kastelijn, laureatasi campionessa continentale. Eva Lechner ha iniziato la prova a ritmo relativamente moderato per poi produrre un’accelerazione che le ha permesso di portarsi molto vicina alla battistada. Un pregevole rimonta che però non è bastata a colmare il divario. L’azzurra altoatesina ha prodotto un forcing importante, ma non è riuscita a rientrare per 12″ su una eccezionale Yara Kastelijn, che è stata in grado di staccare tutte le avversarie poco dopo la partenza, già nel primo giro per condurre la gara in solitaria, senza alcuna sbavatura, portando un’altra medaglia d’oro alla nazionale olandese, mattatrice nelle prove in terra patavina. La gioia “orange” è stata completata dal bronzo conquistato da Annemarie Worst, che ha corso subito dietro la Lechner, dopo aver disputato un’ottima prima parte di gara. La gara femminile si è svolta su un circuito molto impegnativo, fortunatamente meno fangoso rispetto a sabato e alle gare della mattinata, disputate in condizioni davvero difficili. In campo femminile l’Italia può essere fiera anche del settimo posto di Alice Maria Arzuffi, battuta solo in volata dalla campionessa del mondo Sanne Cant, sesta in una giornata poco felice per i colori del Belgio. Quarto posto all’olandee Maud Kaptheijns, che ha preceduto l’altra belga Laura Verdonschot. I Paesi Bassi fanno il pieno nelle prove al femminile, con tre ori in altrettante categorie. Ventesima l’altoatesina, maestra di sci, Anna Oberparleiter, al debutto in questa competizione.
“Sapevo di essere in forma, forse ho commesso un errore al primo giro quando la Kastelijns è partita, poi però sono riuscita a non perdere terreno” il commento a fine gara della Lechner, che a 34 anni conquista la seconda medaglia internazionale dopo l’argento iridato del 2014. E aggiunge: “E’ fantastico vincere in casa. Il tifo mi ha spinto tantissimo, non mi era mai successo prima”. In campo maschile il successo è andato al grande favorito, lo straordinario 24enne olandese e iridato Mathieu Van der Poel in una prova avvincente. Secondo a 3”il belga Eli Iserbyt, che fino alla fine ha conteso il successo al fuoriclasse olandese. Terzo a 20” il belga Laurens Sweeck, a completare il podio.

Pinocchio in bici
I nostri partner