Archivio
10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18

Vademecuum
10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Le nostre news

CELEBRATA UNA RICCA STAGIONE, KERSCHBAUMER ATLETA DELL'ANNO

17.12.2018

CELEBRATA UNA RICCA STAGIONE, KERSCHBAUMER ATLETA DELL'ANNO

CARDANO – Il ciclismo altoatesino chiude un altro anno con un bilancio più che positivo in termini di risultati. A Cardano va in scena la tradizionale festa di fine stagione con la passerella di tutti coloro che si sono distinti nella varie specialità, alla presenza della “special guest” Silvia Zanardi, campionessa mondiale ed europea su pista nel’inseguimento a squadre, iridata nella corsa a punti e del consigliere federale Bruno Battistella. Il presidente del comitato altoatesino della Fci, Antonio Lazzarotto ha potuto snocciolare, con malcelata soddisfazione un’altra collezione di risultati da incorniciare nelle varie specialità delle due ruote per il “suo” movimento, che gode buona salute, anche se non mancano i problemi e le sfide da cogliere. Atleta dell’anno “honoris causa” il vice campione del mondo di mountain bike cross country Gerhard Kerschbaumer. “Gerry”, ragazzone 27enne di Verdignes si gode, praticamente in casa, il meritato riconoscimento al termine di una stagione che la ha visto protagonista assoluto ai massimi livelli. Oltre l’argento iridato a Lenzerheide in Svizzera, l’altoatesino che aveva dimostrato sin da giovanissimo un immenso talento, visto che nel 2009 aveva vinto la Coppa del Mondo Junior e nel 2013 il titolo iridato Under 23, in questa stagione ha fatto il definitivo salto di qualità anche tra gli Elite, centrando quattro podi consecutivi in Coppa del Mondo, tra cui la vittoria a Vallnord. A Lenzerheide Kerschbaumer si presentava tra i favoriti e ha confermato di essere tra i più forti atleti del mondo, rendendosi protagonista di un emozionante duello per l’oro con un fuoriclasse come Nino Schurter. Un risultato che ha chiuso nel migliore dei modi la stagione., candidandolo ad un ruolo ancora più importante nella prossima. Accanto al “numero one” ci sono gli atleti dell’anno che l’hanno preceduto, anzi le atlete dell’anno: in ordine decrescente Elena Pirrone, Alessia Vigilia e Veronika Widmann. E il movimento a femminile è ancora protagonista con la giovane Sophie Auer, capace di portarsi a casa un doppio argento europeo nella mtb, in staffetta e nell’individuale under 15, con il rammarico di aver mancato l’oro per aver perso il pedale nella volata finale dell’unica gara stagionale che non ha vinto. Campionessa italiana, triveneta e provinciale senza rivali e un futuro roseo di fronte per la tenace e minuta ragazza del San Lorenzo. Si fregiano del tricolore anche l’allieva Noemi Plankensteiner, pure del San Lorenzo, oltre ad un argento agli italiani, un titolo triveneto e due provinciali nel mtb, Matteo Bianchi della Campana Imballaggi, capace di tenere alto l’onore altoatesino su pista andando a conquistare il titolo nazionale juniores nella velocità. E poi la “polisportiva” Eva Maria Gatscher (For Fun Cycling) tricolore Elite Master Woman e con un futuro roseo ai massimi livelli. Per la bolzanina capace di distinguersi anche nella corsa, nelle triathlon e nel motocross anche due titoli altoatesini. Non finisce di stupire il master targato Zanolini Bike Carmine Del Riccio, tricolore master 2 nel ciclocross, argento nella mtc, campione triveneto e altoatesino. E poi Richard Palma (Dynamic Bike Team) campione italiano master 7 nel mezzofondo e argento nel Gran Fondo. A tutte queste maglie biancorossoverdi si aggiungono gli argento di Leni Marie Radmueller, Jan Laner e Julia Maria Graf nel mtb, Veronika Widmann nel downhill, Riccardo Laini nel paracycling, con l’aggiunta di un bronzo. La rappresentativa giovanile ha colto l’argento al campionato italiano di staffetta per comitati con i cugini Jan e Nils Lanr, Matthias Illmer, Noemi Plankensteiner e Sophie Auer. Bronzi “italiani” nel bmx con Julian Stimpfl e Gabriele Ghirardini, nella mtb con Nils Laner e Maximilian Knapp oltre che con la squadra del San Lorenzo e nella Marathon con Mattia Longa. L’Alto Adige, guidato dal tecnico Andreas Laner è tornato sul gradino più alto del podio nella classifica generale della Coppa Italia Giovanile di mtb, oltre che nel Campionato Triveneto. A tutti questi risultati degli atleti altoatesini tesserati per società della provincia si aggiungono gli allori dei bikers della provincia di Bolzano che corrono per club extraprovinciali, ovvero: Johannes von Klebesberg (Mondraker Team) bronzo europeo e tricolore nel downhill, Fabian Rabensteiner (Easy Infinity) bronzo nella mtb marathon, Eva Lechner (Esercito-Clif Pro Team) tricolore nel ciclocross e nella mtb elite, Lisa Rabensteiner (Team Focus Italia) campionessa italiana mtb Team Relay, Greta Seiwald (Team Focus Italia) tricolore mtb Team Relay e bronzo under 23 mtb-xco e poi Jakob Dorigoni (Selle Italia Guerciotti) campione italiano under 23 nel ciclocross, Elena Valentini (T.Red Factory Racing) campionessa italiana donne open scatto fisso, Anna Oberparleiter (Team Lapierre Trentino Alè) argento donne open xce e Beltain Schmid argento mtc-xco Team Relay. Dai giovanissimi è arrivato il primo posto al Trofeo Coni nazionale con la società Sunshine Racers Nalles e poi titoli e medaglie con i givanissimi, tre titoli triveneti con Marie Aichner, Christina Thurner e Patrizia Critelli e tutti i campioni provinciali (83) nella varie specialità e categorie, oltre all’intensa attività dei più giovani. Un bilancio di 82 gare in terra altoatesina nelle varie categoria e classi (3 internazionali, 13 nazionali), 57 società affiliate, 1835 tesserati, di cui 1231 atleti. La festa di fine anno si è conclusa con la premiazione di tutti i protagonisti dell’edizione 2018 della Südtirol Cup di mountain bike.


Pinocchio in bici
I nostri partner