Archivio
09 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Vademecuum
10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Le nostre news

EVA LECHNER: TRA ALTI E BASSI MA SENZA ARRENDERSI MAI

12.09.2015

EVA LECHNER: TRA ALTI E BASSI MA SENZA ARRENDERSI MAI

È la migliore biker italiana e tra le atlete di punta del panorama mondiale: Eva Lechner del Team Colnago ha vissuto una stagione che non la soddisfa completamente, sebbene non siano mancati i motivi per festeggiare, sia ai Campionati europei che al Mondiale. Ma anche se non è arrivato il risultato più prestigioso, la forte atleta di Appiano traccia il bilancio di una stagione all’insegna della regolarità, svelandoci i suoi ambiziosi progetti futuri.

Josef Bernhart (per VeloTOTAL): Come descriveresti la stagione che volge al termine?

Eva Lechner: Un continuo alternarsi di alti e bassi e non solo lungo i percorsi, purtroppo, ma anche in termini di risultati. Non posso dirmi del tutto insoddisfatta, ma nemmeno pienamente soddisfatta.

VeloTOTAL: Qual è stato il momento più alto della stagione?

Eva Lechner: Naturalmente la medaglia d'argento ai Campionati Europei: vincere il titolo di vicecampionessa europea è stata una bella soddisfazione. Speravo in un risultato simile anche nella rassegna iridata, ma ho portato a casa comunque un bel risultato con il bronzo nel Team Relay.

VeloTOTAL: Cosa è successo esattamente al Campionato del Mondo? Prima dell’ultimo giro eri tra le prime dieci, ma hai tagliato il traguardo in 23esima posizione.

Eva Lechner: Sì, un vero peccato. Ho lottato sino all’ultimo giro con la vincitrice della Coppa del Mondo Jolanda Neff per la top ten, ma poi ho rotto il forcellino della ruota posteriore e non ho potuto fare altro che guardare le avversarie che mi superavano una dopo l’altra, ma non volevo mollare.

VeloTOTAL: A quali corse parteciperai in questo 2015?

Eva Lechner: Il prossimo fine settimana mi recherò a Baden, vicino a Zurigo, per la prova di apertura del cicuito EKZ-Crosstour, che l’anno scorso sono riuscita a conquistare. Il ciclocross continua ad essere una disciplina che mi dà soddisfazioni. In Belgio ci sono migliaia di spettatori a seguire le gare di questa specialità: lì siamo delle vere e proprie star.

VeloTOTAL: Questo vuol dire che Eva Lechner, seguendo l’esempio della campionessa del modo Ferrand-Prévot, si dedicherà a tutte le discipline?

Eva Lechner: Sì, voglio ancora cimentarmi nel ciclocross, la disciplina che mi ha visto vincere una gara di Coppa del Mondo e sfiorare il Mondiale. Il 16 settembre, a Las Vegas, inaugurerò la nuova stagione di Coppa del Mondo del ciclocross, mentre l’11 ottobre, a Rio, lungo il percorso delle Olimpiadi 2016, mi dedicherò nuovamente alla mountain-bike.

VeloTOTAL: Quale messaggio vorresti dare ai tifosi e agli sponsor?

Eva Lechner: Prima di tutto voglio ringraziare la mia famiglia, i miei fan e i miei sponsor per il loro sostegno incondizionato. Ho pedalato con le bici Colnago per tutta la mia carriera da professionista e il marchio Alto Adige non mi fa mai mancare il suo supporto, senza dimenticare il fedele sponsor della Felicetti. Tutti mi danno il loro sostegno, comunque vadano le cose, consapevoli di quanto sia difficile lottare ai vertici nello sport professionistico e lo apprezzo davvero molto.

VeloTOTAL: Grazie per l’intervista e in bocca al lupo per le prossime sfide.

Intervista originale del Dott. Josef Bernhart in esclusiva per il magazine online www.velototal.de

Foto (Miriam L. Weiß)


Pinocchio in bici
I nostri partner