Archivio
09 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Vademecuum
10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Le nostre news

IL CICLISMO DI SCENA A EGNA

02.05.2015

IL CICLISMO DI SCENA A EGNA

Si è svolto ieri, presso la zona industriale di Egna (Bz), l’evento ciclistico perfettamente organizzato dal Gruppo Sportivo Mendelspeck, affidato alla regia del presidente Renato Pirrone e del responsabile di organizzazione Roberto Missiaggia. A fare da cornice alla manifestazione, una giornata non soleggiata ma calda per la partecipazione entusiasta di ciclisti e familiari.

Erano ben 450 gli atleti al via, provenienti, oltre che dal Triveneto, anche da Lombardia, Piemonte Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Germania e Austria.

L’inizio della prima gara è stato preceduto da una manifestazione promozionale Gioco Ciclismo “Challenge Young” riservata ai ragazzini non tesserati (5-12 anni).

La prima competizione, il 2° Trofeo Assicurazioni Generali – Memorial Oskar Lira, gara valida come prova del Campionato Provinciale prove multiple e come prova del Memorial Rigotti, si è svolta sul percorso di 1,15 km nella zona artigianale di Egna, con inizio alle 9.30. La gara ha visto impegnati 130 Giovanissimi (iscritti 142), tra i 7 e i 12 anni, che con il loro entusiasmo e impegno hanno emozionato il folto pubblico presente.

Successivamente è stata la volta degli Esordienti, che si sono confrontati lungo un percorso nella Bassa Atesina comprendente, nel finale, anche l’impegnativa ascesa della Cortaccia, dove era posto il G.P.M. di giornata. Brema Marco (1° anno) e il bavarese Luehrs Leslie (D), con un ottimo secondo posto del trentino Zambanini Edoardo (secondo anno), sono stati gli atleti che hanno varcato per primi la linea d’arrivo del circuito di 30,70 km. La gara ha assegnato l’8° Trofeo Mendelspeck alla Società del vincitore.

Alle 14.30, è stata la volta delle Donne Esordienti per il 3° Trofeo Texmarket, seconda prova del Criterium Triveneto, valida anche per l’assegnazione del titolo di campionessa Alto Adige. Sul podio, la veronese Zaninelli Veronica, insieme alla piemontese Corino Arianna, campionessa italiana di categoria, e all’atleta di casa Capovilla Eleonora. Il percorso, simile a quello dei coetanei maschi, comprendeva solo una parte della salita che porta all’abitato di Cortaccia. L’ascesa non ha provocato una grande selezione (ad eccezione della fuga solitaria della brava Masetti, ripresa nel finale di corsa) e ha consentito alle concorrenti di giungere all’ultimo km a ranghi compatti. Poco prima del rettilineo d’arrivo, con un’ottima azione a sorpresa, Zaninelli ha anticipato la volata, giungendo all’arrivo a braccia alzate.

A chiudere la giornata, la gara riservata alle Donne Allieve, anch’essa valida per l’assegnazione del titolo di campionessa Alto Adige. La prova era senza dubbio la più attesa, vista anche la partecipazione di nomi importanti, tra cui le favorite della vigilia Elena Pirrone (Mendelspeck), campionessa italiana strada e a cronometro, la trentina Letizia Paternoster (Vecchia Fontana), campionessa italiana su pista e recente vincitrice del titolo provinciale trentino su strada, e la vice campionessa italiana su strada Alessia Vigilia.
Il percorso di 55 km, che prevedeva il doppio passaggio sull’impegnativa salita di Cortaccia, ha messo in evidenza, come da pronostico, la forza e la determinazione delle due atlete più agguerrite: Pirrone e Paternoster. Un duello durato a lungo e iniziato dopo che le due ragazze si sono avvantaggiate sul resto del gruppo già dal primo passaggio al G.P.M. (conquistato da Pirrone). Lungo la discesa per Termeno, le due fuggitive sono state raggiunte da altre tre atlete, le bolzanine Alessia Vigilia e Sofia Frometa (entrambe portacolori del GS Mendelspeck) e la varesina Sara Margheritis (Valcar PBM). Al passaggio sotto l’arrivo, al suono della campana, il quintetto così formatosi aveva un vantaggio di 15 secondi sulle 11 immediate inseguitrici. Il drappello al comando è stato poi raggiunto poco prima di affrontare la seconda ascesa di Cortaccia, lungo la quale Pirrone, marcata stretta da Paternoster, ha nuovamente allungato. La coppia al comando guadagnava al 2° G.P.M. (conquistato da Paternoster) una quindicina di secondi, ma a 2 km dall’arrivo è stata raggiunta da altre 9 atlete. Nella volata finale, si è quindi imposta Letizia Paternoster davanti a Chiara Consonni, Sofia Frometa, Elena Pirrone e Barbara Malcotti.

Il terzo Trofeo Bedin ha sancito così l’atto finale di un evento ottimamente riuscito e conclusosi con i ringraziamenti ai partecipanti, allo staff organizzativo, ai Carabinieri della Compagnia di Egna e ai numerosi volontari intervenuti da parte del presidente della Società Mendelspeck, della Sindaca di Laives Liliana Di Fede, dell’Assessore allo Sport del Comune di Laives Dario Volani, dal Consigliere nazionale FCI Renato Riedmüller e dal Presidente del Comitato Alto Adige FCI Antonio Lazzarotto.
Ad aggiudicarsi il titolo di Campionessa Alto Adige/Südtirol su strada, nelle rispettive categorie, sono dunque le portacolori del GS Mendelspeck Sofia Nilda Frometa Leonard (Allieve), Monica Reale Calafino (Esordienti 1° anno) ed Eleonora Capovilla (Esordienti 2° anno).

Al termine della seconda prova del Criterium Triveneto, le leader della classifica provvisoria sono Letizia Paternoster (S.C. Vecchia Fontana) tra le Allieve e Michieletto Vanessa (C.S. Libertas Scorzè) e Zanotto Elisabetta (Giorgione Aliseo Group), rispettivamente tra le Esordienti 2° anno ed Esordienti 1° anno.

A cura di GS Mendelspeck

Pinocchio in bici
I nostri partner