Archivio
09 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Vademecuum
10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Le nostre news

EVA LECHNER, UN ESEMPIO PER IL CICLISMO ALTOATESINO E NON SOLO

27.03.2015

EVA LECHNER, UN ESEMPIO PER IL CICLISMO ALTOATESINO E NON SOLO

Eva Lechner: esempio e "promotrice" del ciclismo

L’altoatesina del Team Colnago Eva Lechner è una figura simbolo del ciclismo italiano, celebrata con orgoglio ed entusiasmo in tutto il territorio. E ora, il suo nome fa bella mostra di sé anche sulla fiancata nel nuovo pulmino del Comitato Alto Adige della FCI, accanto a quelli di celebri campioni del mondo del calibro di Hubert Pallhuber e Manuel Quinziato.

Mercoledì 25 marzo, nella cornice della Raiffeisensaal di Bolzano, una quarantina di persone ha assistito alla presentazione del celebre Vademecum del ciclismo altoatesino, che racchiude il programma e le attività previste per il 2015. Dopo i saluti di rito del moderatore Alex Tabarelli, non è mancato un caloroso benvenuto a Hubert Pallhuber (campione del mondo MTB nel 1997 e attualmente tecnico della nazionale) e alla biker di Appiano Eva Lechner, invitata dal presidente del Comitato Alto Adige della FCI Antonio Lazzarotto in veste di “promotrice” delle due ruote.

Come ormai da tradizione, Antonio Lazzarotto ha illustrato il calendario delle gare per la stagione appena iniziata, ricordando i risultati degli atleti di casa che, lo scorso anno, hanno più volte vestito e onorato la maglia della nazionale. In particolare, sono stati menzionati i successi della biker di Appiano Eva Lechner in Coppa del Mondo, con la vittoria a Cairns (Australia), e il titolo mondiale conquistato da Manuel Quinziato (BMC) nella cronometro a squadre di Ponferrada.

Uno degli appuntamenti clou di quest’anno è senza dubbio la Sellaronda Hero di Selva Val Gardena, che quest’anno ospiterà il Campionato del Mondo UCI Marathon, in programma il 27 giugno. 30.000 le richieste già pervenute, ma per motivi logistici “solo” poche migliaia potranno schierarsi al via. “Se non venissero stabiliti dei limiti, si avrebbe una lista partenti nell’ordine dei 50.000 atleti”, ha ricordato Antonio Lazzarotto.

Il vicepresidente Rudolf Dantone ha poi sottolineato l’importanza del lavoro svolto con i più giovani: “In questo senso, le competizioni a loro dedicate e in particolare il circuito della Raiffeisen Südtirol Cup svolgono un ruolo essenziale. Nel 2015, per la prima volta, la Raiffeisen Südtirol Cup farà tappa, oltre a Panchià, in un’altra località del Trentino, Pergine, a conferma della risonanza dell’evento anche al di fuori dei confini provinciali”.

Infine, è stato benedetto il nuovo pulmino, che andrà a sostituire il mezzo ormai datato utilizzato dalla Federazione. Eva Lechner non ha nascosto la sua soddisfazione: “È un onore per me essere indicata come esempio e promotrice delle due ruote per i più giovani e sento che questo ruolo mi si addice!”.


Testo originario: Dott. Josef Bernhart
Foto: Eva Lechner con il nuovo pulmino del Comitato Alto Adige FCI

Pinocchio in bici
I nostri partner