Archivio
09 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Vademecuum
10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Le nostre news

MONDIALI MTB & TRIALS: L’Italia si conferma d’oro nel Team Relay

28.08.2013

MONDIALI MTB & TRIALS: L’Italia si conferma d’oro nel Team Relay

Per il secondo anno consecutivo gli azzurri conquistano il titolo iridato con Marco Aurelio Fontana, Gioele Bertolini, Eva Lechner e Gherard Kerschbaumer dopo un'emozionante testa a testa con i francesi - Bronzo alla Germania

Pietermaritburg (RSA) (28/8) - I Mondiali MTB & Trials in SudAfrica si sono aperti nel migliore dei modi. In quello sperato dal tecnico Hubi Pallhuber e da tutti gli appassionati, con la conferma della staffetta italiana sul gradino più alto del podio. Per la seconda volta nel giro di un anno il Team Relay regala la medaglia d’oro al ciclismo italiano e completa un biennio incredibile: 2 titoli europei e 2 titoli mondiali, a conferma di una forza di squadra che in occasione della prova sudafricana si è svelata anche come saldezza di nervi e determinazione vincente. Doti che hanno permesso a Gherard Kerschbaumer, ultimo frazionista, di resistere al ritorno del temibile francese Marotte e batterlo sul filo di lana.
Il tecnico della Nazionale, consapevole del ruolo di favoriti, ha confermato il quartetto campione d’Europa, composto da Marco Aurelio Fontana, Gioele Bertolini, Eva Lechner e Gherard Kerschbaumer.
Alla partenza Fontana ha il compito di mettere il maggior distacco possibile tra sé e gli avversari. Così è, al primo giro l’Italia è in testa, con 20” sull’Austria e 21” sulla Francia. Gioele Bertolini non concede secondi preziosi ai diretti avversari e con una cavalcata solitaria lascia il testimone ad Eva Lechner con 20” sul Canada, che rientra sul podio a scapito di Francia (terza al passaggio a 30”), Nuova Zelanda e Germania appaiate.
Per lo junior la soddisfazione di aver fatto registrare il secondo tempo del giro, cedendo solo una manciata di secondi a Derek Zandstra.
A metà del terzo giro Eva Lechner è ripresa dal canadese Mitchell Bailey, mentre la francese Julie Bresset dimezza lo svantaggio. Alla fine del terzo giro i distacchi vedono primo il Canada, seconda Italia a 1’05”, terza Francia a 1’20”. La lotta appare una questione a tre; lo svantaggio di oltre 1’ sembra incolmabile per Kerschbaumer, che si trova anche a dover resistere al ritorno del francese Marotte, n. 9 del ranking mondiale e già vincitore quest’anno nella Coppa del Mondo di Albstadt.
L’altoatesino è scatenato; a metà del giro torna in testa e si lancia solitario verso il traguardo. La canadese Sandra Walter cede, superata anche dalla Francia e dalla Svizzera. Gli ultimi metri sono un duello tra Italia e Francia ma per scendere dal trono c’è ancora tempo.
Questa la dichiarazione a caldo di Hubert Pallhuber: “Gherard è partito molto forte, è andato un po’ in affanno al culmine dell’ultima salita, ma ha tenuto il francese a pochi secondi e ha gestito bene la discesa senza mai rischiare di perdere, arrivando sul traguardo con un margine sufficiente. Sapevamo che la Francia era la squadra più pericolosa, siamo riusciti a lasciarli ancora indietro. Adesso l’attenzione passa alle prove individuali, a cominciare dalle donne juniores di domani. La staffetta, per quanto sia una gara particolare, conferma che i quattro azzurri sono in ottime condizioni di forma.”

TEAM RELAY: 1. Italia in 58’:12; 2. Francia, st; 3. Germania a 2’21”; 4. Canada a 2’32”; 5. Svizzera a 2’38”.

IL PROGRAMMA DI DOMANI GIOVEDÌ 29 AGOSTO
Ore 9,30 Cross Country Donne Juniores (Emilie Collomb, Serena Tasca, Greta Weithler)
Ore 11,30 Cross Country Uomini Juniores (Gioele Bertolini, Alessandro Saravalle, Michael Spoegler)

mostra file results-teamrelay.pdf

Pinocchio in bici
I nostri partner