Archivio
09 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Vademecuum
10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Le nostre news

SÜDTIROL SELLARONDA HERO: LEONARDO PAEZ SI CONFERMA L'EROE DELLA VAL GARDENA. SALLY BIGHAM TRIONFA AL FEMMINILE. QUARTA EDIZIONE DA RECORD CON 3013 PARTECIPANTI DI 33 NAZIONI

22.06.2013

SÜDTIROL SELLARONDA HERO: LEONARDO PAEZ SI CONFERMA L'EROE DELLA VAL GARDENA. SALLY BIGHAM TRIONFA AL FEMMINILE. QUARTA EDIZIONE DA RECORD CON 3013 PARTECIPANTI DI 33 NAZIONI

Leonardo Paez, ancora lui. Il colombiano della TX Active Bianchi ripete la vittoria dell'anno scorso centrando anche la 4. edizione della Südtirol Sellaronda HERO, valida anche come prova delle UCI Marathon World Series. A Selva Gardena, taglia il traguardo della 84 km in solitaria, a braccia alzate ed è tripudio. Secondo posto per Søren Nissen e terzo per l'iridato greco Ilias Periklis per un podio tutto straniero. Tra le donne (62 km), sigillo della britannica Sally Bigham davanti alle azzurre Elena Gaddoni e Daniela Veronesi. Con 3013 partecipanti è stata un'edizione da record. Un bel biglietto da visita in vista dei Mondiali marathon del 2015.

Download immagini: www.cometapress.com/public/public/attach_img.asp?IDC=2192

Val Gardena (BZ), 22.06.2013 – Con questa quarta edizione, la Südtirol Sellaronda HERO entra a fare parte dell'UCI Marathon World Series, la Coppa del Mondo delle grandi distanze. Un bel traguardo raggiunto in vista del Campionato del Mondo 2015, che sarà organizzato proprio a Selva Gardena dal comitato presieduto da Gerhard Vanzi. In una splendida giornata di sole, è stato spettacolo vero sui due percorsi marathon (84 km al maschile con 4300 metri di dislivello, 62 al femminile con 3300 metri di dislivello), ma anche su quello “hobby” (62 km). In totale sono stati 3013 i biker che hanno sfidato lo spettacolare tracciato della HERO: partenza da Selva Gardena con scalata di quattro passi dolomitici della catena del Sella (passo Gardena, Campolongo, Pordoi e Duron) sulla distanza degli 84 km.

LA CRONACA DI GARA
Pronti, partenza, via e si parte con l'ascesa al Dantercëpies (in testa Paez e Longo del TX Active Bianchi). Il primo a transitare a Corvara è Tony Longo, seguito proprio dal campione in carica, quel Leonardo Paez che punta a confermarsi il re della Sellaronda Hero, con Ferraro terzo. Al Campolongo è sempre dominio dell'italiano e del sudamericano, compagni di squadra, separati da due secondi, mentre ora è Mensi a occupare la terza posizione virtuale davanti a Paulissen. Il duo Bianchi fa gioco di squadra con Longo che tira per innescare il successivo allungo di Paez, che prende e se ne va. Sul Pordoi, il colombiano transita per primo con Longo attardato di quasi quattro minuti e insidiato in seconda posizione da Søren Nissen dell'Elettroveneta Corratec. Dopo il Pordoi, tutti giù in picchiata verso Canazei, prima di risalire verso il Duron. Per il 31enne Paez il più è fatto. Nessuno riesce a stargli dietro. In questa giornata, il colombiano della Bianchi è davvero troppo forte e nessuno riesce a stargli dietro. Lui pedala, affronta ad alti ritmi salite e discese per poi tagliare il traguardo a braccia alzate (4h32'08 il suo tempo). L'eroe della Südtirol Sellaronda HERO è ancora lui. Dietro, invece, è bagarre per il podio. Longo cede e finisce quarto, scalzato dal danese dell'Elettroveneta Corratec Nissen, secondo, ma anche dal campione del mondo in carica, il greco Ilias Periklis del Team Protek, terzo. Tutti accusano un ritardo pesante dal vincitore con Nissen a 8'36”, l'ellenico a 9'04” e Longo a 9'10”.

LA STORIA AL FEMMINILE
Senza storia la gara femminile. La britannica Sally Bigham era la favorita numero 1 e ha rispettato il pronostico. La campionessa del Topeak Ergon Racing si è imposta con il tempo di 4h17'37 davanti al duo azzurro formato da Elena Gaddoni e Daniela Veronesi. La 35enne ha corso praticamente da sola, trionfando sul traguardo gardenese. Così Gaddoni e Veronesi si sono contese il secondo posto, andato nettamente alla portacolori del Factory RacingTeam, giunta all'arrivo con un ritardo di quasi 13 minuti dalla vincitrice di giornata, mentre la Veronesi, che corre per il Torpado Surfing Shop, ha chiuso a 7' dalla Gaddoni e a 20' dalla Bigham.

GLI ALTRI EROI
La vittoria italiana arriva dalla 62 km maschile. Sul percorso “breve”, il migliore è stato il comasco Samuele Porro, classe 1988, che ha avuto ragione del duo altoatesino formato da Fabian Rabensteiner e Daniel Jung, primo un anno fa. Porro ha lasciato scatenare Fabian Rabensteiner, poi lo ha ripreso e staccato, andando a prendersi la vittoria (3h40'45). Rabensteiner, specialista del cross country, e quindi di gare molto più corte, ha lottato con Jung per la seconda piazza ed è riuscito a prevalere.

INTERVISTE
Leonardo Paez (1° classificato 84 km): “Per prima cosa voglio ringraziare il team Bianchi, è stato fantastico. Questa è una gara dura e la vittoria ripaga tutti i sacrifici fatti per essere qui ed esserci da protagonista. La concorrenza era agguerrita, eravamo in tanti in lotta per il primo posto, poi ho accelerato e ho visto che non sono riusciti a starmi dietro”.

Søren Nissen (2° classificato 84 km): “Oggi Paez ha voluto scherzare. Ha fatto davvero una grande performance. E' stata una gara molto, molto dura. Probabilmente una delle competizioni più difficili che abbia mai disputato”.

Ilias Periklis (3° classificato 84 km): “Non sono abituato a correre a queste altezze e ho fatto fatica ad abituarmi soprattutto nella prima parte della gara. E' stata dura all'inizio e ho provato sensazioni strane, poi alla fine sono riuscito a riprendermi e ad agguantare il terzo posto. Tante salite così dure, comunque, non ne avevo mai viste”.

Sally Bigham (1a classificata 62 km): “La Sudtirol Sellaronda Hero è una gara bella e spettacolare, dura, ma allo stesso tempo divertente. Il panorama è mozzafiato, ti toglie il respiro e il tracciato è molto impegnativo, ricco di saliscendi e orfano di tratti pianeggianti. Per questo motivo si sente la fatica nelle gambe. Questa gara era importante anche come prova generale dei Mondiali che si terranno la prossima settimana e ora devo riposarmi proprio in vista di questo appuntamento. Ora incrociamo le dita proprio per la gara iridata”.

Elena Gaddoni (2a classificata 62 km): “Per quanto mi riguarda, è come se oggi avessi vinto. Sapevo che con la Bigham non ci sarebbe stato nulla da fare e per questo posso ritenermi veramente soddisfatta di questo secondo posto. In salita ho tenuto bene, mentre è in discesa che la Bigham ha lasciato il segno. Abbiamo affrontato un percorso duro, ma bello con discese divertenti e salite impegnative, adatte alle mie caratteristiche. Ieri ho ricevuto la convocazione per i Mondiali e vedremo di fare bene”.

Daniela Veronesi (3a classificata 62 km): “Mi mancava una gara così nel mio palmares. Abbiamo corso in luoghi stupendi. Il percorso è ricco di tratti tecnici in discesa e di salite dure, ma nonostante la fatica posso dire che mi sono divertita parecchio. Sinceramente pensavo di fare peggio. Ora ci sono i Mondiali e cercherò di portare a casa un risultato positivo”.

Samuele Porro (1° classificato 62 km): “L'inizio è stato difficile, visto che sono caduto proprio nella prima curva della prima salita. E non so neanche come abbia fatto a finire per terra. Diciamo che non è stato il modo migliore per iniziare una gara che poi fortunatamente è finita benissimo. Rabensteiner è andato veramente forte nelle battute iniziali, proprio come è nelle sue caratteristiche, visto che è uno specialista del cross country, ma alla lunga ha ceduto. L'ho ripreso sul Pralongià e poi sul Pordoi ho preso il ritmo e ho visto che perdeva contatto. Così ho proseguito col mio passo”.

Fabian Rabensteiner (2° classificato 62 km): “Sono soddisfatto di questo risultato. Non era facile affrontare una gara di questo tipo, su queste distanze, visto che sono abituato al cross country e quindi a competizioni di minor durata. Infatti dopo due ore di gara ho iniziato a fare fatica, soprattutto sul Pordoi. Sul Sella sono stato sorpassato da Jung, poi sono riuscito a recuperare in discesa e a partire al contrattacco”.

IL PERCORSO
In un primo momento, rispetto a quello previsto in origine, si era deciso di variare il percorso. Il motivo? Una frana a inizio maggio e le improvvise nevicate fuori stagione avevano suggerito al comitato organizzatore di modificare il tracciato. E per questo motivo si era deciso di apportare delle modifiche. Ma grazie alle ottime condizioni meteorologiche dell'ultima settimana e al grande aiuto e al forte interessamento del sindaco di Selva Gardena, del Municipio di Arabba, del corpo della Forestale e dei volontari è stato possibile ripristinare il percorso originale di 62 chilometri con 3300 metri di dislivello e quello di 84 chilometri con 4300 metri di dislivello. A dare l'okay è stato venerdì il comitato organizzatore, presieduto da Gerhard Vanzi, con il sindaco di Selva Gardena Peter Mussner e il Municipio di Arabba. I percorsi alternativi avrebbero dovuto interessare le statali tra Selva Gardena e Passo Gardena e tra Arabba e il Pordoi, visto che lo smottamento e la neve avevano interrotto il collegamento sulla salita del Dantercëpies. Collegamento che invece è stato ripristinato, complice anche il bel tempo scoppiato nelle ultimissime settimane. E così l'87% della gara si è tenuta su strade forestali e sentieri montagna, mentre il restante 13% sulla strada asfaltata.

LA SÜDTIROL SELLARONDA HERO DEI RECORD
3013 iscritti. 33 nazioni rappresentate. L'edizione del 2013 è quella dei record per la Südtirol Sellaronda HERO. Il nuovo primato di partecipanti è cosa fatta, visto che mai erano stati così tanti gli atleti al via. La gara della Val Gardena ha fatto subito breccia nel cuore degli eroi, che già dal 2010 hanno dimostrato di amare questa competizione. Allora fu un successo: un successo che è cresciuto di anno in anno fino a raggiungere il record di oggi. E questa maratona è stata anche l'ultima prima del Campionato del Mondo, che si terrà a Kirchberg, in Austria.

HERO KIDS
Anche 300 piccoli eroi hanno animato questa splendida giornata all'insegna delle ruote grasse. Sì, perché oltre ai grandi, sono scesi in “pista” anche i baby, che hanno dato vita alla Hero Kids, manifestazione non competitiva riservata a bambini e bambine dai 6 ai 12 anni. Sono saliti in sella alle loro biciclette, alti sui pedali, e hanno percorso carichi di entusiasmo il tracciato ricavato a Selva Gardena per un totale di 3 km. Sono loro il futuro!

SÜDTIROL SELLARONDA HERO. 4 EDIZIONI DI SUCCESSO E NEL 2015... I MONDIALI!
La Südtirol Sellaronda HERO si svolge dal 2010 e grazie ai suggestivi scenari naturali lungo il suo percorso, dal gruppo del Sella al Sassolungo, attraverso la Val Gardena, Alta Badia, Arabba, Val di Fassa e Alpe di Siusi, è considerata una delle più belle maratone di mountain bike al mondo. Oggi in gara ci sono stati ben 3013 concorrenti in rappresentanza di 33 Nazioni. Circa 400 sono stati i volontari che hanno contribuito all'organizzazione e all’ottima riuscita della manifestazione. La Südtirol Sellaronda HERO sta preparandosi alla grande per ospitare nel 2015 il prestigioso Campionato del mondo UCI nella specialità marathon.

CLASSIFICHE

84 Km Elite Uomini
1 Paez Leon Hector Leonardo 1982 Colombia TX ACTIVE BIANCHI 4:32'08"
2 Nissen Soren 1984 Danimarca ELETTROVENETA - CORRATEC a 08'36"
3 Periklis Ilias 1986 Grecia TEAM PROTEK a 09'04''
4 Longo Tony 1984 Italia TX ACTIVE BIANCHI a 09'10''
5 Medvedev Alexey 1983 Russia FULL-DYNAMIX a 12'12''
6 Paulissen Roel Tony 1976 Belgio TORPADO SURFING SHOP a 12'55''
7 Vastaranta Jukka 1984 Finlandia Medilaser-Specialized MTB Team a 14'21''
8 Cominelli Cristian 1988 Italia AVION AXEVO MTB PRO TEAM a 15'59''
9 Pallhuber Johann 1974 Italia Silmax Cannondale Racing Team a 16'16''
10 Celestino Mirko 1974 Italia AVION AXEVO MTB PRO TEAM a 17'04''

62 Km Elite Donne
1 Bigham Sally 1978 Inghilterra TOPEAK ERGON RACING 4.17.37
2 Gaddoni Elena 1980 Italia FRM FACTORY RACING TEAM a 13'00''
3 Veronesi Daniela 1972 Italia TORPADO SURFING SHOP a 20'04''
4 Kaltenhauser Barbara 1977 Germania RSLC Holzkirchen - Fanfiluca a 27'33''
5 Krenslehner Verena 1975 Austria Conway Racing Team a 27'50''
6 Schwing Katrin 1972 Germania Trek-Domatec a 36'44''
7 Hadraschek-Jochem Stefani 1979 Germania Trailgamsen Racing Team a 47'13''
8 Menapace Lorenza 1972 Italia CYCLING PERFORMANCE ASD a 50'00''
9 Monaldini Roberta 1979 Italia COBRAN TEAM RSM a 51'19''
10 Pasqualini Nadia 1979 Italia BICI ADVENTURE TEAM ASD a 51'19''

Classifiche complete al link:
services.datasport.com/2013/mtb/sellaronda/

Pinocchio in bici
I nostri partner