Archivio
09 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Vademecuum
10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Le nostre news

CDM PARACICLISMO: Parlano alcuni dei protagonisti della seconda giornata di Merano

09.06.2013

CDM PARACICLISMO: Parlano alcuni dei protagonisti della seconda giornata di Merano

Merano (9/6) – Gli azzurri del Paracicliso si stanno facendo onore nella prova di Coppa del Mondo disputata in casa. Ieri la nazionale del C.T. Mario Valentini ha ricevuto la piacevole visita delle azzurre della MTB Eva Lechner, Julia Innerhofer e Lisa Rabensteiner, in procinto di affrontare l’ultima prova degli Internazionali d’Italia a Vermiglio. Particolarmente gradito il loro saluto e "in bocca al lupo" alla loro amica, nonchè "vicina di casa" Claudia Schuler, vincitrice della prova a cronometro e in linea WH2 (nella foto Claudia raggiante sul podio). Ecco di seguito alcune dichiarazioni dei protagonisti.
Gianluca Fantoni, primo nella categoria C1 della sua vittoria evidenzia: "E' una rivincita dopo un 2012 un poco amaro. La fuga è iniziata dopo il terzo giro insieme al francese Damien Severi. I miei compagni nel gruppo sono riusciti a coprire l'azione ed è arrivata la vittoria. Siamo una nazionale forte e molto coesa oltre che un gruppo di grandi amici. Sono sicuro che lungo il nostro cammino riusciremo ad avere molte soddisfazioni".
Anche il Campione del Mondo in carica, Michele Pittacolo, secondo alle spalle di Fantoni commenta così il suo podio: "Sono molto soddisfatto per come la nazionale ha controllato la corsa ed anche del mio risultato arrivato nonostante la mia forma allergica. La vittoria di Gianluca mi riempie di gioia dopo l'anno sfortunato che ha avuto. Ora guardo alla seconda prova di Coppa del Mondo in Spagna dove ho vinto per due anni di seguito e dove, spero, di centrare il tris. Un grazie a tutti i componenti della nazionale ed uno alla famiglia Zeccheto che sempre mi sostiene".
Il secondo gradino del podio nella categoria C3, lo conquista Fabio Anobile, classe 1993 nativo della provincia di Monza e Brianza, alla sua prima esperienza in campo internazionale: "Ero convinto di essere pronto. Ho deciso di provarci ed è arrivato il risultato in un percorso tecnico che ha regalato una corsa abbastanza movimentata. Sono molto soddisfatto".
Nella specialità dell'handbike è Alex Zanardi (H4) a centrare il secondo obiettivo dopo quello raggiunto a cronometro: "Quando gira così certo non ci si può lamentare. Anche se in corsa mi sono tagliato il dito e ho improvvisato una fasciatura fino a quando mi hanno passato un guanto che è servito a tamponare il taglio. Temevo in un'altra amputazione! - dice ironico Zanardi - Il percorso, molto tecnico, non dava nessuna possibilità di fare la differenza. Ho infatti tentato qualche attacco ma invano. Poi, finalmente, l'epilogo finale a mio favore. Prima di guardare alla prova di Coppa del Mondo in Spagna, mi concentro sul Team Realy di oggi. Una gara a cui tengo in modo particolare".
Doppietta azzurra per Claudia Schuler e Francesca Fenocchio (H2) che, dopo la prova a cronometro, si ripetono in quella in linea: "E' molto bello ed entusiasmante vincere a casa mia - dice Claudia Schuler classe 1989 -. Il tifo avuto soprattutto sull'ultima salita è stata una spinta in più e la forza necessaria a non mollare".
Anche la compagna di squadra Francesca Fenocchio sottolinea il suo entusiasmo: "Felicissima anche perchè la mia preparazione quest'anno è iniziata tardi. Ottenere questo risultato su un circuito così tecnico è molto importante. Ora guardo ai prossimi appuntamenti tra cui i campionati italiani e le competizioni internazionali".
Ottimi risultati per il talentuoso Luca Mazzone, alla sua prima esperienza di confronto mondiale a due ruote. Sportivo da sempre, proviene dal nuoto, il suo secondo posto nella categoria H1 è un successo: "Quando ho visto il ceco scattare ho tentato di raggiungerlo e, a mia volta, mi sono staccato dal gruppo. Sono rimasto solo ed in quei momenti mille pensieri mi hanno invaso la testa. Mi chiedevo se avessi dovuto tentare di raggiungere il ceco in fuga o aspettare il gruppo. Poi, il risultato è arrivato, ma ancora ho molta strada da fare per imparare a gestire energie e sensazioni in corsa. Sono molto soddisfatto".

Pinocchio in bici
I nostri partner