Archivio
09 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Vademecuum
10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Le nostre news

COMPLEANNO: Auguri Greta per i tuoi splendidi 17 anni!

28.05.2013

COMPLEANNO: Auguri Greta per i tuoi splendidi 17 anni!

Intervista di Giorgio Torre (www.bicibg.it) all’azzurrina Weithaler vincitrice delle prime due prove di Coppa del Mondo XCO Donne Juniores

Naturno (BZ) – Compie oggi 17 anni ed il regalo più bello se l’è fatto da sola, vincendo, sabato scorso, la seconda prova di Coppa del Mondo cross country nella categoria Donne Junior a Nove Mesto, in Repubblica Ceca. Due su due, dato che già aveva vinto alla prima uscita ad Albstadt, in Germania. Stiamo parlando di Greta Weithaler che già è stata ribattezzata l’astro nascente della MTB italiana e mondiale. Con cognizione di causa, perché quello che sta facendo questa giovane biker altoatesina è davvero qualcosa di eccezionale, forse di unico nella storia della MTB italiana. A maggior ragione se consideriamo che è al primo anno e quindi al debutto nella categoria Juniores e nella Coppa del Mondo.
Bolzanina di Naturno, 15 km ad ovest di Merano, a due passi dal confine austriaco e da quello svizzero, Greta Weithaler, madrelingua tedesca, è ragazza di montagna e la bicicletta è una passione di famiglia. Il padre Egon Weithaler, guida la Ötzi Bike Team, società punto di riferimento per molti appassionati della zona e nella quale anche Greta e cresciuta anno dopo anno, collezionando successi sempre più prestigiosi.
La prima gara a 10 anni, sale subito sul podio, seconda. Cresce la voglia e la passione di allenarsi e gareggiare. Partecipa e vince gare sempre più importanti, ma sempre con l’obbiettivo principale di divertirsi.
Colleziona titoli provinciali, regionali ma soprattutto spiccano i quattro titoli italiani consecutivi messi in bacheca nei due anni da esordienti e negli altri due da allieva. Si misura spesso con la rivale e amica bergamasca Chiara Teocchi, che quest’anno è diventata anche una compagna di nazionale.
Ma dicevamo, oggi è il suo compleanno, sono 17 anni, ma questa ragazza ha già il piglio e la maturità della campionessa. Auguri e Buon compleanno Greta! “Grazie!”
- Un debutto nella nuova categoria stratosferico e risultati eccezionali. Sorpresa di questo?
“L’anno scorso ho fatto qualche gara all’estero, quindi conoscevo già le mie principali avversarie della Svizzera e dell’Austria. Ma ogni stagione ricomincia da zero e non mi aspettavo niente. Soprattutto perché debuttavo nella nuova categoria juniores confrontandomi con atlete fortissime provenienti da tutto il mondo. Quando ho vinto la prima prova di Coppa del Mondo ad Albstadt ero molto sorpresa e naturalmente contentissima. Ma per me non contano solo i risultati, più importanti, quanto la tecnica, la mentalità per la gara e avere la “testa giusta””
- Cosa significa gareggiare con la maglia azzurra della nazionale?
“Portare la maglia azzurra mi rende molto orgogliosa ed è anche una responsabilità. Ma è soprattutto un grande onore per me poter far parte della squadra nazionale e partecipare alla Coppa del Mondo”.
- Dopo un avvio di stagione di questa portata quali sono i prossimi obbiettivi?
“Sia in Italia che all’estero ci sono ancora gare importanti nelle prossime settimane, ma posso dire che i due obbiettivi più importanti di questi prossimi mesi sono i Campionati Italia e quelli Europei. Io proverò a dare il massimo come faccio sempre, poi si vedrà”.
- Penserà anche al tris in Coppa del Mondo. Tra l’altro la prossima prova è in Val di Sole, non molto lontano da casa sua…
“Come ho già detto non penso solo al risultato. Darò il meglio possibile e sarò contenta se riuscirò a fare una gara come desidero io, al di là del risultato”.
- Dicevamo prima della maglia azzurra. Qual è il suo rapporto con le compagne e con il C.T. Pallhuber?
“Mi trovo bene con la squadra, perché riusciamo molto bene ad alternare momenti di serietà come quando ci alleniamo e gareggiamo, ma al tempo stesso riusciamo anche a divertirci quando stiamo tutti insieme. E a me questi momenti servono anche per migliorare il mio italiano - aggiunge con un sorriso -. “Con Hubi (il C.T. Huber Pallhuber, ndr) e con tutti gli accompagnatori c’è un ottimo rapporto e mi stanno aiutando molto, per questo li voglio ringraziare”.
- E il sogno nel cassetto e le ambizioni di Greta Weithaler quali sono?
“Credo che ogni atleta abbia i suoi sogni segreti” esclama e si sofferma un attimo a riflettere, consapevole in cuor suo di ciò che desidera, ma la saggezza e l’umiltà che la contraddistinguono la spingono a non sbilanciarsi troppo. Poi aggiunge: “Il mio sogno è di andare forte e di continuare così”.
- E quando invece scende dalla bicicletta cosa fa nella vita di tutti i giorni Greta?
“Frequento il terzo anno del liceo scientifico a Silandro. Nel tempo libero, oltre che andare in bici, passo volentieri del tempo con gli amici, ascolto la musica o leggo un bel libro. In questo periodo sto leggendo “The Hunger Games” di Suzanne Collins”.
- E a tavola, qual è il piatto preferito?
“Il mio piatto preferito è il Sushi, poi direi ogni tipo di dolce. Sono una golosa, soprattutto di cioccolata”.
- I tecnici allora qualche volta le tireranno le orecchie. Ma oggi è concesso un dolcetto per il compleanno. A proposito: come lo festeggerà?
“Bè, prima di tutto a casa con la mia famiglia, poi certamente anche con gli amici”.
- E allora auguri ancora Greta, buon compleanno e in bocca al lupo per i prossimi impegni!

Giorgio Torre (www.bicibg.it)

Pinocchio in bici
I nostri partner