Archivio
09 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Vademecuum
10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Le nostre news

Affollatissima passerella per i talenti del ciclismo altoatesino

22.01.2012

Affollatissima passerella per i talenti del ciclismo altoatesino

Numeri importanti, numeri che contano. Sono quelli del ciclismo altoatesino, reduce da un 2011eccezionalmente  ricco di risultati brillanti. Nell'anno appena terminato, sono arrivate cinque medaglie mondiali e sette europee. Finita qui? Proprio no, perché non bisogna assolutamente dimenticarsi dei 22 titoli italiani centrati. E così, in onore di tutti i tesserati in Provincia (che sono 2026) ma anche di quegli altoatesini che gareggiano per società provenienti da fuori regione, il Comitato locale della Federciclismo, guidato da Antonio Lazzarotto, ha organizzato la tradizonale festa annuale.
Alla presenza di Christian Tommasini, Vice Presidente della Giunta Provinciale di Bolzano, e di Flavio Milani, Vice Presidente vicario della FCI, davanti a un gremitissimo pubblico, è stato premiato il talento bolzanino Manuel Cazzaro, votato come "il ciclista dell'anno", titolo che ha conquistato al termine di una stagione entusiasmante, in cui agli Italiani su pista si è laureato Campione Italiano nel derny, centrando poi, qualche settimana più tardi, anche il bronzo agli Europei nella medesima specialità; davvero un grande anno per il bolzanino del Team Südtirol Ciclismo 2000, che in azzurro ha recentemente preso parte anche a due prove di Coppa del Mondo.
Ma il 2011 è stato anche l'anno di Julia Innerhofer (Colnago Farbe Südtirol), astro nascente del fuoristrada italiano, medaglia di bronzo ai Campionati Mondiali Juniores di Champery e Campionessa Italiana di categoria.
Parli di ciclismo altoatesino e il pensiero va alla fuoriclasse Eva Lechner. Nel 2011, la 27enne di Appiano, anch'essa portacolori del Team Südtirol Farbe Colnago, si è messa al collo due medaglie di bronzo ai Mondiali di MTB di Champery, ma anche dagli Europei di Dohnany è tornata a casa con un bronzo. Poi, come da pronostico, si è laureata campionessa italiana MTB XCO, e nei giorni scorsi (e qui però siamo già nel 2012) ha conquistato la maglia tricolore agli Italiani di ciclocross, tenutisi recentemente al Safety Park di Vadena.
In campo maschile, come non citare Gerhard Kerschbaumer (che gareggia per il TX Bianchi, formazione lombarda), Campione Europeo MTB XCO a Dohnany e Campione Italiano MTB XCO, ormai stabilmente ai vertici mondiali, anche lui proiettato verso Londra 2012, proprio come Eva Lechner.
Ma dietro di loro ci sono altri giovani rampanti che crescono velocemente. Come Greta Seiwald, Michael Arnold, Moritz Plaickner, Greta Weithaler, tutti a medaglia nei Campioanti Europei giovanili di MTB, mentre tra i Campioni Italiani (tesserati per società locali) vanno citati Roland Thurner, Johannes Von Klebelsberg, Andrea Dori, Matteo Olivotto (MTB), Matteo Pietrobon e Stefano Cavalli (BMX), Andreas Laner e Roberto Mich (tricolori della montagna), Marius Ganthaler e Andrea De Vicenzi (paraciclismo). In questo anno d'oro per le due ruote altoatesine, c'è anche la firma del Gs Mendelspeck, arrivato terzo assoluto nel Meeting nazionale Giovanissimi, una sorta di Campionato Italiano per società del ciclismo su strada giovanile.
"Siamo orgogliosi di condurre un movimento così ricco di talenti. Il ciclismo altoatesino sta dimostrando una vitalità eccezionale, pur patendo qualche difficoltà nei settori tradizionali quali l'attività su strada. Le Olimpiadi di Londra sono vicine, pronosticare la partecipazione di 3 o 4 atleti altoatesini non è utopia, con atleti quali Manuel Quinziato, Eva Lechner, Gerhard Kerschbaumer e Claudia Schuler ogni sogno è possibile."

Pinocchio in bici
I nostri partner