Archivio
09 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Vademecuum
10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Le nostre news

Jaroslav Kulhavy e Gunn Rita Dhale Campioni Europei - Sotto tono M.A. Fontana (7°) e Eva Lechner (13^)

07.08.2011

Jaroslav Kulhavy e Gunn Rita Dhale Campioni Europei - Sotto tono M.A. Fontana (7°) e Eva Lechner (13^)

DOHNANY - La splendida giornata di sabato, con il titolo di Campione Europeo U/23 di Gerhard Kerschbaumer aveva tito d'ottimismo anche la giornata conclusiva a Dohnany (Svk). L'attesa era particolarmente sentita per i big azzurri, Marco Aurelio Fontana ed Eva Lechner. La delusione è stata però pesante, Fontana non è andato oltre il 7° posto, peggio ancora Eva Lechner 13^.
I titoli sono andati al ceco Jaroslav Kulhavy ed alla ritrovata norvegese Gunn Rita Dhale. Se l'impresa di kulhavy era attesa non altrettanto si può dire della vittoria della titolatissima, ma stagionata (1973) Gunn Rita Dahale. Già Campionessa Olimpica nel 2004, Campionessa Mondiale XCO e Marathon, la norvegese è tornata prepotentemente alla ribalta vincendo con pieno merito la gara femminile davanti alla polacca Maja Włoszczowska, argento a 33”, ed alla slovena Tanja Zakelj, bronzo a 58”. Giornata sotto tono per l’azzurra Eva Lechner, che si è classificata al 13° posto a 4’52”. Non è il risultato sperato, ma la gara è apparsa molto difficile per la campionessa italiana fin dai primi giri. Al 32° posto Daniela Veronesi a 12’17”.
Nella gara maschile il giovane alfiere della Repubblica Ceca Jaroslav Kulhavý è campione d’Europa cross country uomini élite. Vittoria strameritata, ottenuta nel finale di una corsa lunga e snervante, durata oltre un’ora e 45 minuti. Tre uomini hanno fatto la differenza fin dai primi giri: il vincitore, il francese Julien Absalon e lo svizzero Florian Vogel. Dietro, nel gruppetto degli inseguitori si è distinto Marco Aurelio Fontana, che ha tentato di cucire il gap con Giger e Van Houts. Ma i tre di testa hanno filato in perfetto accordo fino all’inizio del penultimo giro guadagnando continuamente terreno. Poi, su un primo allungo di Kulhavý ha ceduto di colpo Vogel. Il campione ceco ha atteso il tratto in salita per sferrare il secondo attacco e liberarsi di prepotenza anche dell’olimpionico Absalon. Il suo ultimo giro è stato un volo irresistibile verso la vittoria. Kulhavý ha tagliato la linea con 23” di vantaggio su Absalon (argento) e 1’04” su Vogel (bronzo).
Classifiche
UOMINI ELITE: 1. Jaroslav Kulhavý (R. Ceca) in 1.45’38’; 2. Julien Absalon Fra) a 23”158; 3. Florian Vogel (Svi) a 1’04”182; 4. Fabian Giger (Svi) a 2’15”702; 5. Rudi Van Houts (Ol) a 2’23”061; 6. Jose Antonio Hermida Ramos (Spa) a 2’39”970; 7. Marco Aurelio Fontana (Ita) a 2’55”774; 8. Moritz Milatz (Ger) a 3’24”485; 9. Oliver Beckingsale (Gbr) a 3’25”384; 10. Ruben Ruzafa Cueto (Spa) a 3’25”410; 26. Umbero Corti (Ita) a 8’25”590; 30. Tony Longo (Ita) a 8’43”295; 36. Michele Casagrande (Ita) a 10’05”607; 51. Martino Fruet (Ita) a 4 giri; 69. Andrea Tiberi a 7 giri.
UOMINI ELITE: 1. Jaroslav Kulhavý (R. Ceca) in 1.45’38’; 2. Julien Absalon Fra) a 23”158; 3. Florian Vogel (Svi) a 1’04”182; 4. Fabian Giger (Svi) a 2’15”702; 5. Rudi Van Houts (Ol) a 2’23”061; 6. Jose Antonio Hermida Ramos (Spa) a 2’39”970; 7. Marco Aurelio Fontana (Ita) a 2’55”774; 8. Moritz Milatz (Ger) a 3’24”485; 9. Oliver Beckingsale (Gbr) a 3’25”384; 10. Ruben Ruzafa Cueto (Spa) a 3’25”410; 26. Umbero Corti (Ita) a 8’25”590; 30. Tony Longo (Ita) a 8’43”295; 36. Michele Casagrande (Ita) a 10’05”607; 51. Martino Fruet (Ita) a 4 giri; 69. Andrea Tiberi a 7 giri.
DONNE ELITE: 1. Gunn-Rita Dahle-Flesjaa (Nor) in 1.33’51”; 2. Maja Włoszczowska (Pol) a 33”; 3. Tanja Zakelj (Slo) a 58”; 4. Irina Kalentieva (Rus) a 1’32”; 5. Blaza Klemencic (Slo) a 1’44”; 6. Sabine Spitz (Ger) a 2’; 7. Elisabeth Osl (Aus) a 2’20”; 8. Sarah Koba (Svi) a 3’01”; 9. Anja Gradl (Ger) a 3’33”; 10. Adelheid Morath (Ger) a 3’46”; 13. Eva Lechner (Ita) a 4’52”; 32. Daniela Veronesi (Ita) a 12’17”.

Pinocchio in bici
I nostri partner