Archivio
09 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Vademecuum
10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Le nostre news

2^ Tappa Giro delle Dolomiti

01.08.2011

2^ Tappa Giro delle Dolomiti

BOLZANO. Alessandro Magli è l’uomo da battere: il corridore della Gs Giuliano Barcella ha dominato anche la seconda tappa della trentacinquesima edizione del Giro delle Dolomiti, confermando l’ottimo stato di forma. Il varesino ha tagliato il traguardo con un tempo di 39’50”, precedendo il tedesco ChristophFuhrbach della RscNeustadt an derWeinstrasse di 2’04”. Magli guida anche la classifica generale con un vantaggio molto rassicurante, vicino ai tre minuti. Il Giro è ormai cosa sua. Dopo l’”antipasto”della prima crono di ieri, quella di oggi ha proposto un “piatto” decisamente appetibile: la Stenk-Passo Pampeago. Tra le donne, la più veloce è stata ancora una volta l’altoatesina Marina Ilmer, che ha surclassato tutte le avversarie (50’13”). Terzo posto per Carlo Muraro (AsdPanozzo): l’atleta di Piovene Rocchette, uno dei favoriti della vigilia, non è riuscito a reggere il ritmo indiavolato dei primi due, subendo un ritardo di tre minuti. Dietro alla Ilmer sono arrivate Cristina Lambrugo (Tubozeta-Mgk Vis-Somec, 50’45”) e la bolzanina Lorna Ciacci (Team Zanolini Bike Prof., 51’38”). Ma a tenere banco, però, è stata la presenza del campionissimo JanUllrich, il quale si è presentato al Giro in incognito, insieme ad alcuni amici. Il fuoriclasse tedesco parteciperà anche alle prossime due tappe.Una prova particolarmente ardua quella di oggi, alla quale i “girini”si sono sottoposti per la prima volta in assoluto. Denominata “Ai piedi del Latemar”, l’inedita gara ha impegnato i corridori su un tratto di 10,1 km, per un dislivello di 1063 metri. Partenza alle 8 dalla Fiera di Bolzano. Gli scalatori hanno avuto pane per i loro denti: il tratto Stenk-Obereggen presentava 5,8 chilometri con pendenze che, in alcuni punti, hanno toccato addirittura il 16%. Non soltanto: da Obereggen si è proceduto per altri 4,3 chilometri fino a Passo Pampeago, proprio alle pendici del massiccio del Latemar. Anche in questo ultimo tratto di corsa, le pendenze micidiali (intorno all’8%) hanno fatto soffrire i corridori fino al traguardo. Dopo la sosta per il ristoro, il gruppo ha attraversato le località di Rauth, Novaponente e Aldino: meta Ora, da raggiungere nel primo pomeriggio. Infine, la passerella fino a Bolzano. E domani si replica, con l’ultima avvincente tappa prima della giornata di riposo. Che sarà sicuramente meritata, considerata la doppia sfida che attenderà i corridori. La terza tappa offre infatti due crono per “buongustai”: la San Cipriano-Passo Nigra e la Pozza di Fassa-Val San Nicolò. Si partirà da Bolzano alle 8. Il ritorno nel capoluogo è previsto per le 16.50 circa. Gli organizzatori precisano che la salita da San Cipriano a Passo Nigra verrà chiusa al traffico dalle 9 alle 10.30.
Francesco Servadio

Pinocchio in bici
I nostri partner