Archivio
09 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Vademecuum
10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Le nostre news

Marinal Ilmer e Alessandro Magli i vincitori della 1^ tappa del Giro delle Dolomiti

31.07.2011

Marinal Ilmer e Alessandro Magli i vincitori della 1^ tappa del Giro delle Dolomiti

BOLZANO. E’ iniziato ufficialmente questa mattina il 35° Giro delle Dolomiti. Alessandro Magli,
dell’Asd Barcella, è il vincitore della prima tappa Caldaro-Mendola. Il corridore di Varese ha
trionfato con un tempo di 39’06”, precedendo Carlo Muraro (Asd Panozzo, 39’24”). In terza
posizione si è classificato Christoph Fuhrbach (39’50”). In campo femminile, Marina Ilmer (Arsv
Vinschgau, 46’01”) si è imposta su Claudia Wegmann, tagliando il traguardo in 48’41”. Sul gradino
più basso del podio è giunta Lorma Ciacci (48’44”). Prima tappa tutt’altro che agevole per i circa
700 corridori, che si sono presentati ai nastri di partenza e provenienti da tutto il mondo. Ma la
trentacinquesima edizione resterà impressa anche per un altro motivo: la commemorazione delle
vittime della strage di Oslo, che il Giro ha voluto così ricordare. Subito prima della partenza è stato
osservato un minuto di silenzio: gli organizzatori poi hanno deciso di schierare in prima fila i 45
norvegesi presenti. Un gesto simbolico ma ricco di significato. Fra i corridori, anche dodici
australiani e diversi russi. Tornando alla corsa, il gruppo è partito alle 7.30 dalla Fiera di Bolzano. I
ciclisti hanno pedalato abbastanza compatti fino al bivio per il Passo: da lì in poi, ognuno ha
proseguito secondo il proprio ritmo. Alessandro Magli è schizzato subito al comando, facendo
registrare tempi di tutto rispetto. L’atleta lombardo, con la pettorina 269, ha salutato tutti e se ne
è andato, staccando gli inseguitori di 200-300 metri. Nonostante la tappa non gli fosse del tutto
congeniale (Magli predilige le salite da brividi), il corridore non ha mostrato alcun cedimento,
tagliando il traguardo in solitaria. Le condizioni meteo ottimali hanno favorito gli atleti più forti,
per nulla intimoriti dalla salita di 14,8 chilometri, per un dislivello di 909 metri, pari ad una
pendenza media del 6,5%. La prima scrematura è avvenuta già dopo i primissimi tornanti. Se fino
al sesto la pendenza oscillava tra il 5,5% ed il 7%, il tratto successivo (lungo poco più di 1,3
chilometri) ha toccato punte del 9%. L’ultima serie di tornanti ha regalato forti emozioni. Domani il
Giro prevede la tappa inedita “Ai piedi del Latemar”, la crono Stenk-Pampeago, che si articolerà in
una salita di 10,1 chilometri con un dislivello di 1063 metri. La partenza, sempre dalla Fiera di
Bolzano, è fissata alle ore 8, l’arrivo alle 15. Gli organizzatori ricordano che la salita da Stenk (Ponte
Nova) a Obereggen sarà chiusa al traffico dalle 9 alle 10 circa.
Francesco Servadio

mostra file giro dolomiti 1^ tappa.pdf

Pinocchio in bici
I nostri partner