Archivio
09 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Vademecuum
10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Le nostre news

FUORISTRADA: Il sigillo di Mirko Celestino sulla Südtirol Sellaronda Hero. Sul podio Ragnoli e Medvedev

02.07.2011

FUORISTRADA: Il sigillo di Mirko Celestino sulla Südtirol Sellaronda Hero. Sul podio Ragnoli e Medvedev

Tra le donne vittoria della tedesca Katrin Schwing su Barbara Kaltenhauser e Anna Ferrari - Nel tracciato di 50 chilometri successo di Stefano Dal Grande sull’argentino German Dorhmann Manzano e Daniel Jung - Oltre 1.500 biker al via provenienti da 27 nazioni

Selva Val Gardena (BZ) (2/7) – Era il favorito della vigilia e Mirko Celestino ha confermato le aspettative vincendo la seconda edizione della Südtirol Sellaronda HERO Mtb-Marathon, la competizione che oggi ha regalato a quasi 1600 biker una giornata da non dimenticare e che ha visto il portacolori del team Axevo Haibike Semperlux tagliare il traguardo di Selva di Val Gardena a braccia alzate. A completare il podio della prova lungo gli 82 chilometri del tracciato HERO la seconda piazza del bergamasco Juri Ragnoli del team Scott, l’ultimo ad arrendersi allo strapotere di Celestino, che ha ceduto 2’44” al vincitore. Terzo posto del russo Alexey Medvedev della formazione Elettroveneta Corratec in 4.35’06” che dopo una fuga iniziale ha lottato per restare in zona medaglia, lasciando ai piedi del podio l’altoatesino Johann Pallhuber.
Il successo di Celestino, fresco bronzo dei mondiali marathon, è venuto dopo una fuga solitaria di Medvedev che aveva l’obiettivo di vincere il GPM di Danterceppies e che ha mantenuto il vantaggio fino al passo Campolongo quando, nella successiva discesa veniva preso dagli inseguitori capeggiati da Celestino.
Nel gruppo si notava l’assenza di Massimo De Bertolis, uno dei pretendenti al successo finale, ritiratosi a causa di una doppia foratura nella prima discesa, quella del passo Gardena.
La gara proseguiva con il ligure Celestino a dettare il ritmo e a fare sempre più selezione fino al passo Duron affrontato in solitaria. Nell’ultima discesa una fortuita collisione con uno spettatore ha causato al leader della corsa una caduta con una forte contusione al ginocchio destro: «Siamo caduti entrambi, io mi sono rialzato subito e ho proseguito quando questo signore mi ha detto che era tutto ok - ha commentato Celestino al traguardo – ma sono veramente felice di aver vinto una così bella gara».
Celestino ha fermato il cronometro sul tempo di 4.26’07", migliorando di 20 minuti il tempo dello vincitore dello scorso anno, Klaus Fontana, oggi in gara con il pettorale 1 e settimo in classifica.
Sul fronte femminile l’eroina di giornata è stata la tedesca Katrin Schwing del team Trek-Domatec che ha chiuso la HERO in 5.59’09”. Secondo posto per la connazionale Barbara Kaltenhauser in 6.12’57” e terzo gradino del podio per la vincitrice della scorsa edizione, Anna Ferrari del team Elettroveneta-Corratec in 6.20’08”.
Nel percorso di 50 chilometri successo del 21enne Stefano Dal Grande (3.04’20”) del team FullDynamix ai danni del pari età argentino German Dorhmann Manzano (team Axevo Haibike Semperlux) con 3’14” di distacco; terzo posto per l’altoatesino Daniel Jung del team Mountain Heroes in 3.15’05”, che non è riuscito a migliorare la seconda posizione dello scorso anno.
Da segnalare nella stessa prova la presenza degli uomini jet dello sci alpino azzurro che hanno gareggiato nel percorso di 50 chilometri nella categoria Hobby: il campione mondiale Christof Innerhofer (tempo 4.38’54”) ha chiuso in 35esima posizione battuto dal compagno di squadra Peter Fill (tempo 4.16’19”), che ha concluso all’undicesimo posto. Il terzo uomo jet dello sci azzurro, Florian Eisath, è caduto e ha dovuto ritirarsi per “transitare” dall’ospedale di Brunico per un medicamento a una brutta escoriazione al gomito.
Complimenti all’Assessore alla Mobilità e al Commercio della Provincia Autonoma di Bolzano, Thomas Widmann, che dopo l’esperienza dello scorso, ha chiuso la seconda HERO al 28esimo posto in 4.30’55”.
Nella classifica femminile la vittoria è andata alla bergamasca Michela Benzoni del team Lissone MTB in 3.45’23” sulla bolzanina Andrea Tasser (team Sarntal Rad), che ha accusato quasi un quarto d’ora di distacco dalla vincitrice, e terza piazza per la belga Kristien Nelen del Scott Goeman Cyclim Team.
«Ora che la gara si è conclusa nei migliori dei modi il nostro pensiero va a tutti coloro che hanno contribuito a rendere grande la nostra HERO – ha commentato Peter Runggaldier, coorganizzatore al fianco di Gerhard Vanzi della Südtirol Sellaronda HERO – primi fra tutti le centinaia di volontari che con entusiasmo hanno supportato l’organizzazione: senza di loro tutto questo non sarebbe stato possibile».
In tal senso il ringraziamento va esteso a tutte le aziende partner e anche agli enti territoriali come l’Associazione Turistica di Selva Val Gardena, Val Gardena Marketing e ai Consorzi Turistici dell’Alta Badia, Arabba, Val di Fassa e Alpe di Siusi.
La Südtirol Sellaronda HERO Mtb-Marathon 2011 è stata anche prova per l’assegnazione del titolo di campione Triveneto sulla distanza marathon: successo per Mike Felderer e Anna Ferrari tra gli Elite.
L’appuntamento ora è davanti alla televisione: rivivere le emozioni della gara nella sintesi che Rai Sport 1 ha messo in palinsesto martedì 5 luglio con la messa in onda alle 21.30.
Per informazioni: www.sellarondahero.com

UOMINI LUNGO: 1. Mirko Celestino (Axevo AhibikeSemperlux) Km. 82 in 4.26’07”; 2. Juri Ragnoli (Scott Racing Team) a 2’44”3; 3. Alexey Medvedev (Rus, Eletroveneta Corratec) a 8’58”8; 4. Johann Pallhuber (Silmax Cannondale Racing) a 10’32”1; 5. Mike Felderer (Team Full Dynamix) a 13’06”7; 6. Georg Piazza (Sunshine Racers ASV Nals) a 20’55”; 7. Klaus Fontana (ASC Olang) a 24’06”2; 8. Daniele Pollone (Giai Team Asd) a 25’46”6; 9. Walter Costa (Silmax Cannondale Racing) a 26’22”6; 10. Ramon Bianchi a 26’41”3.

DONNE LUNGO: 1. Katrin Schwing (Ger, Trek-Domatec) Km. 82 in 5.59’09”; 2. Barbara Kaltenhauser (Ger, Corratec World Team) a 13’47”4; 3. Anna Ferrari (Elettroveneta-Corratec) a 20’58”4; 4. Cariza Munoz (Los Locos) a 22’39”5; 5. Theresia Kellermayr (Aut, Giant Stattegg) a 37’46”3.

UOMINI CORTO: 1. Stefano Dal Grande (Team Full Dynamix) Km. 50 in 3.04’20”; 2. Manzano Dorhmann (Ger, Axevo Ahibike Semperlux) a 3’13”9; 3. Daniel Jung (Mountain Heroes) a 10’44”3; 4. Thomas Piazza (Sunshine Racers ASV Nals) a 16’35”3; 5. Florian Alber (S.C.Meran Zorzi Kältetec) a 27’54”9.

DONNE CORTO: 1. Michela Benzoni (Asd Lissone Mtb) Km. 50 in 3.45’23”; 2. Andrea Tasser (Asc Sarntal Rad) a 14’38”3; 3. Kristien Nelen (Bel, Scott-Goeman Cycling Tea) a 40’42”5; 4. Trude Wermskog Stormo (Nor, Team Oslo Sportslager) a 46’21”3; 5. Heidi Unterweger (Asc Sarntal Rad) a 55’17”.

UOMINI LUNGO HOBBY: 1. Johann Rabensteiner (Olmbiker.it) Km. 82 in 5.22’11”; 2. Gianluca Ferrari (Altogarda Bike Team) a 3’14”5; 3. Roman Cech (Aut, Sebamed) a 6’46”5; 4. Matthias Rehmann (Dowe Sportswear) a 12’09”1; 5. Andreas Deutschendorf (Ger, Rennteam Da schau Her) a 25’41”8.

DONNE LUNGO HOBBY: 1. Lucie Vlaskova (R. Ceca, Kellys Bike Ranch Team) Km. 82 in 6.45’00”; 2. Natalija Anderluh (Slo, MTB Koroskain) a 28’21”.

UOMINI CORTO HOBBY: 1. Oskar Pittracher (Olmbiker) Km. 50 in 3.37’48”; 2. Rainer Jud (Asc Olang) a 4’32”6; 3. Kurt Ladner (Svi, Bike-club.ch) a 7’13”2; 4. Jan Grebe (Ger, Berg Frei Starnberg) a 7’48”2; 5. Blaz Vovk (Slo, Jeklena Tetiva) a 17’27”6.

DONNE CORTO HOBBY: 1. Sibylle Schnarr (Svi) Km. 50 in 4.42’38”; 2. Tatiana Kutlíkov (Ita) a 23’36”1; 3. Catherine Senoner (Ita) a 28’42”8; 4. Sonja Wietzorek (Ger, Excelsior-Racing) a 32’31”3; 5. Susanne Schulz (Aut, Arbö rc Bike-Point Innsb) a 46’09”2.

CAMPIONATO TRIVENETO MTB MARATHON
Uomini Elite: Mike Felderer (Full Dynamix)
Uomini Sport: Gabriele De Paul (Fassa Bike)
Master 1: Gianni Tomè (Cellina Bike)
Master 2: Klaus Fontana (ASC Olang)
Master 3: Mauro Bettin (Full Dynamix)
Master 4: Andreas Kofler (Rewel TTxmarket)
Master 5: Adolf Haller (Team Green Valley)
Donne Elite: Anna Ferrari (Corratec)
Donne Master: Cariza Munoz (Los locos)

Pinocchio in bici
I nostri partner