Archivio
09 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Vademecuum
10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Le nostre news

RENATO DI ROCCO HA PREMIATO I CICLISTI ALTOATESINI

17.01.2010

RENATO DI ROCCO HA PREMIATO I CICLISTI ALTOATESINI

BOLZANO - Il presidente Renato Di Rocco è stato l’illustre ospite della tradizionale cerimonia annuale di premiazione del ciclismo altoatesino, insieme al vicepresidente nazionale vicario Flavio Milani, al numero uno del Veneto Bruno Capuzzo e al presidente regionale onorario Corrado Pontalti. Il massimo dirigente nazionale e vice Uci, nella sala del Centro di Formazione Professionale Cts “Einaudi” sede di percorsi formativi ad indirizzo sportivo unici in Italia, ha elogiato un movimento coeso e dinamico, che nel primo anno della presidenza di Antonio Lazzarotto, coincidente con il passaggio dell’ex presidente Renato Riedmueller al ruolo di consigliere nazionale con delega alla gestione del settore fuoristrada, ha prodotto risultati eccezionali, confermando un trend ormai costante.
Il movimento altoatesino si è ritrovato a festeggiare i propri campioni, insieme alle massime autorità della città e della Provincia, in un clima di grande cordialità e con la consapevolezza che, pur partendo da piccoli numeri ha raggiunto livelli incredibili, di assoluta eccellenza. Una provincia che non raggiunge i cinquecentomila abitanti, situata all’estrema periferia del Paese, prevalentemente montagnosa, ha raggiunto livelli che la pongono all’avanguardia dell’intero movimento ciclistico nazionale. Il palmares, già ricco di medaglie d’oro olimpiche, mondiali, europee e nazionali, conquistate nel passato prevalentemente per merito di Antonella Bellutti e Hubert Pallhuber, oggi c.t. azzurro del mtb, quest’anno s’è ulteriormente arricchito, arrivando all’impensabile:  due maglie di campione del Mondo con Gerhard Kerschbaumer ed Eva Lechner, due medaglie d’argento mondiali nel paraciclismo con Claudia Schuler, eletta atleta del’anno, con l’ideale testimone consegnatole da Kerschbaumer, una maglia di campione d’Europa con il “forestale” Kerschbaumer oltre a nove titoli di Campione d’Italia e varie medaglie d’argento e bronzo. Tutto questo grazie al grandissimo lavoro delle società e dei  tecnici, delle commissioni,  delle strutture operative, che corrispondono al Mountainbike Center, al Centro Pista, al Centro di Ciclocross, al Centro Bmx. Risultati di spicco nel mtb, ma anche su strada, su pista, nel ciclocross e nel bmx con atleti che a vario titolo hanno rappresentato il movimento altoatesino delle due ruote. All’orizzonte tanti buoni propositi ed un progetto concreto: è in corso di perfezionamento una convenzione, la prima in Italia, con il Cts L. Einaudi – Progetto Olympia, al fine di poter dare un’importante sbocco lavorativo agli studenti dell’indirizzo sportivo della formazione professionale, proponendo la qualificazione del maestro di mtb - accompagnatore turistico.
Nella foto: Gerhard Kerschbaumer premiato da Renato Di Rocco, Christian Tommasini e Antonio Lazzarotto

Pinocchio in bici
I nostri partner