Archivio
09 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Vademecuum
10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17

Le nostre news

Premiati i campioni iridati di Canberra

10.09.2009

Premiati i campioni iridati di Canberra

Il comitato Alto Adige della Federciclismo, composto dal presidente Antonio Lazzarotto e dal vicepresidente Rudolf Dantone, assieme al consigliere nazionale Renato Riedmüller, ha reso omaggio, presso la Federazione Cooperative Raiffeisen, agli atleti altoatesini reduci dall´ottimo Mondiale di Moutain Bike svoltosi a Canberra. Presenti, dunque, il direttore tecnico della nazionale Hubert Pallhuber, Johann Schweiggl 23° nella gara Under 23 e i due iridati Eva Lechner e Gerhard Kerschbaumer.

Tornati giusto ieri in Italia dal Mondiale australiano, gli altoatesini della Mountain Bike hanno ricevuto il giusto omaggio per gli ottimi risultati conquistati nella rassegna iridata. Oltre al selezionatore azzurro Hubert Pallhuber, già campione del mondo da atleta nel 1997 in Svizzera, e all´Under 23 Johann Schweiggl, che ha chiuso la manifestazione internazionale con un ottimo 23° posto nella sua categoria, grande risalto è stato dato a Gerhard Kerschbaumer e Eva Lechner. Il primo, 18enne di Verdines, che, nella stagione in corso, è riuscito a vincere due tappe di Coppa del Mondo, il titolo italiano e quello europeo, è tornato dall´Australia con due medaglie al collo, una conquistata nella staffetta e l´altra nella gara individuale Juniores. “Quest´anno – commenta Gerhard Kerschbaumer – è andato tutto molto bene. Ai Mondiali, poi, le cose sono andate ancora meglio. Ho vinto due ori e sono entrambe delle medaglie importanti: la prima frutto del lavoro di squadra, la seconda vinta da solo con una buona prova dall´inizio alla fine”. Grande gioia anche per Eva Lechner, inserita nella formazione azzurra che ha centrato l´oro nella staffetta di Canberra: per lei, la maglia iridata rappresenta un traguardo importante nella carriera. “Mi mancava – spiega Eva Lechner – una medaglia d´oro al Mondiale e sono molto felice per questo obiettivo raggiunto. Quello che sogno ora è fare una buona Olimpiade e credo che arriverò a Londra 2012 con la giusta esperienza per togliermi delle soddisfazioni”. A conclusione della festa Klaus Schwarz della Raiffeisen ha consegnato fiori e cesti regalo agli atleti.

Pinocchio in bici
I nostri partner